giovedì 1 settembre 2011

I cervelli vanno e il Trota rimane

Oggi, leggere quotidiani e blog è solo fonte di ansia. Il Fatto Quotidiano riporta alcuni titoli di giornali stranieri e, francamente, ci sentiamo in imbarazzo. Wall Street Journal :"In passato le buffonate di Silvio Berlusconi hanno danneggiato l'Italia. Oggi rischiano di fare lo stesso con l'intera Eurolandia". L'Handelsblatt scrive:" E' difficile non cadere nei vecchi pregiudizi dopo aver ascoltato le notizie provenienti da Roma. I soliti imprevedibili italiani, estremamente creativi nella loro gestione dei conti, grandi promesse e piccoli risultati". Per il Die Welt, invece: " Il governo italiano può ritenersi fortunato che la banca Centrale europea stia comprando i suoi bond", una strategia senza la quale gli interessi sarebbero "già saliti sopra il 6%". Il Suddeutsche Zeitung è più rilassato e si limita a dire che:" la casa è in fiamme e nessuno sta portando l'estintore"
. Basta! Cambiamo giornale e su La Stampa leggiamo l'editoriale di Luigi La Spina, Preoccupante vuoto di potere, dove scrive:"Al di là dell'imbarazzante retromarcia sul riscatto degli anni di università o di leva ai fini della pensione, un caso in cui il dilettantismo e l'improvvisazione hanno sicuramente superato ogni limite, quello che colpisce in queste settimane di fine estate è un'impressione più preoccupante.Il drammatico scarto, cioè, fr ala gravità dei problemi dell'Italia e il livello di consapevolezza politica, di competenza professionale e di responsabilità morale con i quali chi ci governa affronta una situazione certamente molto difficile". Abbiamo necessità di cambiare argomento, decisamente positivo, perchè ci sono limiti alla pazienza e potremmo facilmente farci prendere la mano e passare il tempo a trovare i peggiori epiteti per descrivere i nostri rozzi e cialtroni politici.
Ci siamo ricordati che oggi dovevano aprire ufficialmente i ministeri del Nord, quindi siamo andati alla ricerca di notizie e Il fatto Quotidiano informa che stamani gli uffici erano chiusi e che solo a metà mattinata si è presentato il capo di gabinetto di Calderoli, Maurizio Bosatra, solo per ricevere una delegazione dell'Ascom di Padova, che protestavano rumorosamente davanti agli uffici. Li avevano avvertiti di non presentarsi a Monza, ma i manifestanti sono andati ugualmente e , gioco forza, hanno dovuto riceverli. Va bene. Anche questa è andata a buca. Cerchiamo inutilmente buone notizie, ma siamo rincorsi dallo stupidario dei nostri politici, tanto che su Giornalettismo.com, Il Trota ad Arcore? Un motivo ci sarà, leggiamo una dichiarazione dell'onorevole ing. Caselli, che, in un'intervista radiofonica alla Zanzara, dice che se il Trota è andato ad Arcore un motivo ci sarà! Quale? Per Caselli è sufficiente che sia Responsabile Comunicazione della Lega Nord, consigliere regionale della Lombardia e che ha avuto il coraggio, vista la sua giovane età, di buttarsi nella mischia ed essere stato eletto. Tredicimila preferenze, con l'appoggio del papà e del partito e  a Bergamo....per cortesia! I manifesti ritraevano il padre su cui capeggiava la scritta "Meno soldi a Roma e più a mio figlio"...e a questi ci ha pensato bene! Poi, cosa di non poco conto, lo vediamo sempre ad accompagnare il Sènatur, ma ha il tempo di dedicarsi a fare il consigliere? Visto che fa anche parte della segreteria dell'Umberto ed è in un osservatorio per l'Expo, prendendo uno stipendio d'oro! Non sappiamo perché, ma ci assale il dubbio che parlare di nepotismo, all'interno della Lega, è come dire che l'acqua bagna! Il fratello di Bossi e il figlio Roberto sono assistenti accreditati all'Europarlamento, come portaborse di Speroni e Salvini, prendendo un lucroso stipendio. La moglie l'ha sistemata da tempo. Quali sono i loro meriti? L'on. Reguzzoni è genero di Speroni e non ci sovvengono altri meriti particolari per essere, oggi, nel cerchio magico del Capo Padano. Ma ritorniamo al nostro Renzo Bossi.
Ci siamo dedicati a fare un po di ricerca sul suo conto e, tolti i post o articoli denigratori, si legge poca, anzi, pochissima letteratura. Ma cosa ha fatto di buono, oltre ad essere un pluri-bocciato? Ah, si...lo ricordiamo per un'intervista su "Futuro della TV:  vecchia TV vs nuova Tv", estratta da un convegno organizzato dal Corecom Lazio. Video che potrete vedere alla voce "Hanno detto". Se quello ha meriti acquisiti per fare il consigliere regionale e per incarichi pagati a peso d'oro, allora ci viene la tentazione di chiamare tutti i giovani che conosciamo, che si stanno sacrificando per fare Master, dottorati, esperienze lavorative all'estero e chiedere loro di lasciar perdere, perchè in Italia, per loro, non c'è futuro. In Italia è necessario dire stupidaggini, avere una scarsa preparazione, essere figli di qualcuno o avere amici influenti. L'intelligenza e  le capacità acquisite sono un danno! Studiare? Ma siete pazzi? Andate al Cepu e dite che siete amici del Trota e, forse, potranno anche farvi lo sconto. Per lui e le escort è gratuito, ma voi siete figli di nessuno e non potete pretendere la luna. Per il Trota, il Cepu manda i professori a casa, perché vogliono sincerarsi che riesca a prendere la laurea in Economia e Commercio, perché ci vogliono, per il futuro, giovani e rampanti professionisti che sistemino i problemi italiani.
Basta! Oggi non abbiamo più voglia di star male. Per chi, come noi, crede nell'istruzione, nelle capacità dei giovani, nel sacrificio dei tanti che sono obbligati a percorsi formativi tortuosi e difficili, solo perchè il loro Pese non offre niente, il Trota rappresenta un'offesa all'intelligenza. E ci rammarichiamo per tutte quelle famiglie che, con enormi sacrifici, fanno studiare e specializazre i loro figli. Per cosa? Per creargli ulteriori delusioni? Se l'Italia e gli italiani non si ravvederanno, potremmo correre il rischio di tenerci tanti "Trota" e ci dovremo rassegnare a vedere i successi dei nostri figli in altri paesi. Il futuro dell'Italia è nei giovani e nelle loro intelligenze. Non sprechiamole!




Nessun commento:

Posta un commento

Allora ...amen!

I ll 5 dicembre del 2016 scrivevo il post " Ha perso la sinistra " e mi chiedevo perché avesse perso; soprattutto mi chiedevo ...