venerdì 3 giugno 2011

Charlot: la vita è troppo bella per essere insignificante

Stasera non avevamo voglia di parlare di lavoro, lavoro sommerso, lavoro illegale, lavoro nero, evasione fiscale, economia illegale, precarietà, flessibilità o disoccupazione, anche se questo ci lascia un certo amaro in bocca, perché non dovremmo mai mollare la presa. E non molleremo mai la presa! Ma volevamo condividere con voi poche righe scritte da Chaplin,  che non conoscevamo e che troviamo veramente belle. Molti di voi le avranno già lette e ce ne scusiamo.

Due sono i comici che riteniamo veramente grandi e, per certi versi simili, Chaplin e Benigni. Con il primo ci siamo nati e con il secondo ci viviamo. Personaggi di immenso valore che vanno al di là della comicità, usata anche per parlare al mondo delle tragedie e delle umiliazioni del genere umano. Racchiuderli nel termine "comici" non gli rende onore tanto è la grandezza di questi due personaggi.






"Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e dimenticato persone indimenticabili. Ho agito per impulso, sono stato deluso dalle persone che non pensavo lo potessero fare, ma anch'io ho deluso. Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo; mi sono fatto amici per l'eternità. Ho riso quando non era necessario, ho amato e sono stato riamato, ma sono stato anche respinto. Sono stato amato e non ho saputo ricambiare. Ho gridato e saltato per tante gioie, tante. Ho vissuto d'amore e fatto promesse di eternità, ma mi sono bruciato il cuore tante volte! Ho pianto ascoltando la musica  o guardando le foto. Ho telefonato solo per ascoltare una voce. Io sono di nuovo innamorato di un sorriso. Ho di nuovo creduto di morire di nostalgia e...ho avuto paura di perdere qualcuno molto speciale (che poi ho finito di perdere)...ma sono sopravvissuto! E vivo ancora! E la vita, non mi stanca...E anche tu non dovrai stancartene. Vivi! E' veramente buono battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perché il mondo appartiene a chi osa. La vita è troppo bella per essere insignificante".
(Charlie Chaplin)






Nessun commento:

Posta un commento

Allora ...amen!

I ll 5 dicembre del 2016 scrivevo il post " Ha perso la sinistra " e mi chiedevo perché avesse perso; soprattutto mi chiedevo ...