martedì 30 luglio 2013

Lode della dialettica

L'ingiustizia oggi cammina con passo sicuro.
Gli oppressori si fondano su diecimila anni.
La violenza garantisce: com'è così resterà.
Nessuna voce risuona tranne la voce di chi comanda
e sui mercati lo sfruttamento dice alto: solo ora io comincio.
Ma fra gli oppressi molti dicono ora:
quel che vogliamo non verrà mai.
Chi ancora è vivo non dica: mai!
Quel che è sicuro non è sicuro.
Com'è, così non resterà.
Quando chi comanda avrà parlato,
parleranno i comandati.

Chi osa dire: mai?
A chi si deve se dura l'oppressione? A noi.
A chi si deve, se sarà spezzata? Sempre a noi.
Chi viene abbattuto, si alzi!
Chi è perduto, combatta!
Chi ha conosciuto la sua condizione, come lo si potrà fermare?
Perché i vinti di oggi sono i vincitori di domani
e il mai diventa: oggi!
(B. Brecht)


2 commenti:

  1. in effetti la sconfitta più profonda è quando è interiorizzata, cioè quando pensi che coincida con l’ordine ineluttabile del mondo

    e oggi, questa forma di rassegnazione all’ingiustizia è ancora più potente che ai tempi di Brecht

    RispondiElimina
  2. ...come non darti ragione, caro Diego...

    RispondiElimina

Buon I° Maggio

Chissà se tra qualche anno sarà ancora la festa dei lavoratori o, nell'onda della rottamazione della sinistra, se verrà trasformata i...