giovedì 26 giugno 2014

Io non ho scelto

Quando penso ai barconi pieni di disperati che fuggono dalle miserie dei loro paesi; quando penso ai nuovi schiavi (e ce ne sono anche nel nostro Paese!) in mano a caporali e sfruttatori senza scrupoli; quando ascolto le demenzialità di qualche italiota o di politici idioti...






Non è dato scegliere
il colore della pelle,
i genitori e fratelli
per dare e avere amore;
una patria e un popolo
in cui vivere
e sentirsi uguali.

Non è dato scegliere,
e neanche sapere,
che vita faremo
e che opportunità avremo;
se saremo ricchi
oppure poveri, 
se studieremo per il futuro
o se scapperemo per vivere.

Io non ho scelto,

ma avrei voluto,
ed ho subito,
ma non accettato,
il volere del destino,
di Dio o Allah,
ma, potendo,
mai avrei scelto,
o preteso,
di diventare padrone
dell'altrui vita.
(Idelbo)

Nessun commento:

Posta un commento

Buon I° Maggio

Chissà se tra qualche anno sarà ancora la festa dei lavoratori o, nell'onda della rottamazione della sinistra, se verrà trasformata i...