venerdì 13 novembre 2015

L'immorale nuova morale

Non facciamoci prendere in giro.
Quando si legge dell'imbarazzo del Pd per la vicenda De Luca, è tutta una messa in scena perché all'attuale Pd non interessa la questione morale, che è “cosa da minoranze abituate a perdere”,  per cui De Luca dava garanzie per vincere e non hanno avuto remore ad utilizzarlo. Certo c'è da turarsi un po' il naso, ma  vincere ha un profumo più forte! Ed ecco che Renzi va in sostegno al povero governatore campano.
Quando Orfini, stizzito, dice che il caso Marino è cosa diversa dal caso De Luca...non ci sono dubbi, gli diamo ragione! Per quanto Marino sia stato un pessimo sindaco, è indubbio che il Pd sa scegliere bene i peggiori...infondo la fedina penale è roba antica e va rottamata!
Che situazione imbarazzante!
Abbiamo due partiti di destra e per convivere uno deve dichiarare di essere di sinistra e l'altro deve inventarsi una sorta di fascio-rozzismo (rozzo-razzista) per essere un po' più a destra e tra i due si ammassa pure il M5S, del quale non sopporto il visionario Casaleggio e il comico...e basta. Amici mi dicono che da uno studio fatto risulta che la maggioranza dei giovani del M5S siano ex di sinistra. Quindi devo desumere che erano i peggiori della sinistra o i giovani cervelli in fuga? Da ciò che vedo  nell'attuale sinistra parrebbero questi ultimi! In questa situazione, quelli che ancora dicono di essere di sinistra  che fanno? Semplice! Si dividono ancora: una parte nel Pd, che lo stipendio è assicurato, una parte fonda la nuova Sinistra Italiana, Civati non ci crede e continua per la sua strada e le microcellule di Ferrero, Rizzo e compagni continuano il loro ritiro spirituale, evitando contaminazioni pericolose.
Sarà populismo, qualunquismo o fancazzismo, ma credo che Tolstoj abbia dato una perfetta sintesi degli attuali politici e dell'attuale politica, a prescindere dal colore, vero o presunto che sia: “Siedo sulla schiena di un uomo, soffocandolo, costringendolo a portarmi. E intanto cerco di convincere me e gli altri che sono pieno di compassione per lui e manifesto il desiderio di migliorare la sua sorte con ogni mezzo possibile. Tranne che scendere dalla sua schiena”.
Il problema è che questi signori, sotto sotto, difendono il loro lavoro ed è per questo che non scenderanno mai dalla "schiena". Sono certo che qualcuno è in buona fede, ma è insieme a una massa di "veterani" incalliti che hanno vissuto sempre di politica e, da mestieranti, danno poco e ricevono molto, che è il più logico e vecchio stratagemma per rimanere a lungo. Che altro saprebbero fare...e anche sapendolo fare...come e dove guadagnerebbero così tanto senza fare niente? E questo è un male a cui si abituano facilmente tutti! 
Tutto questo è l'immorale nuova morale!




Nessun commento:

Posta un commento

Buon I° Maggio

Chissà se tra qualche anno sarà ancora la festa dei lavoratori o, nell'onda della rottamazione della sinistra, se verrà trasformata i...