mercoledì 22 ottobre 2014

La folle corsa

La vita è una folle corsa,
pare treno impazzito
su binari nel deserto
e senza più fermate, 
dove attendono invano
speranze e desideri.



Non si incontrano
e non si cambiano
compagni di viaggio,
né bambini chiassosi
né persone a cercar posto
e non serve alzarsi
per far cortesia
a donne e anziani.

Non ci son vetri
per nascondere le miserie
e la fiumana di gente
in lotta per chissà cosa;
seppur diversi per destino
in tutti v'è la frenesia
d'arrivare a destinazione
dove il costo è la ragione;

più cose hai
e maggiore è il prezzo
il rispetto l'hai d'omaggio;
ma il treno è per soli eletti
e la fiumana si accalca
con pericolo ai binari.

Ingannevoli sirene
han promesso la fermata
e la gente urta e calpesta,
spinge e bestemmia
per arrivare là
dove, pur senza valore,
molto sarà di pochi
e agli altri l'illusione.

La vita fugge, 
come treno ingovernato,
senza bagagli del passato:
a che serve l'amicizia
e che senso ha l'amore,
i sogni e le speranze, 
se là si avranno
a giusto prezzo?
(Idelbo)

Nessun commento:

Posta un commento

Buon I° Maggio

Chissà se tra qualche anno sarà ancora la festa dei lavoratori o, nell'onda della rottamazione della sinistra, se verrà trasformata i...