mercoledì 16 dicembre 2015

Le formiche e la sinistra

Un fatto che risale a questa estate, che avevo quasi rimosso perché insignificante come tante altre cose estive, ma che alla luce dei quotidiani fatti di politica - melma e dell'assoluta mancanza di etica o, peggio ancora, davanti alla ostentata ignoranza della classe politica mi è tornata in mente.
Mentre bevevo una birra con un paio di amici, discutendo dei grandi problemi che assillano la terra, del bombarolo fiorentino e di come la gente si sia fatta infinocchiare, non riuscivo a distogliere lo sguardo da cinque formiche impegnate a trascinare un verme morto (o a me pareva tale!) su per un muro.
Mi colpiva l'abilità con cui si spostavano in sincronia: tre davanti a tirare e due dietro a spingere, tanto che non seppi resistere dal fargli la foto.
Fino a quando lo sforzo era comune e ben organizzato erano riuscite a trascinare la loro merce a un'altezza di settanta e anche ottanta centimetri da terra, poi una formica si è spostata e l'avanzamento si è indebolito; quindi si è spostata la seconda e l'avanzamento si è fermato...il peso della merce è rimasto pericolosamente in stallo fino a quando ha trascinato rovinosamente con se le tre formiche rimaste; e hanno tentato invano di salire nuovamente il muro, e altrettante volte  sono cadute, fino a che hanno dovuto desistere. Chissà se anche le formiche sentono l’amarezza  del tradimento, oltre alla fatica!
Cinque erano una forza incredibile e riuscivano a compiere uno sforzo disumano; poi due se ne sono andate, lasciando le loro compagne con tutto il peso da sostenere e non è rimasto loro da fare altro che precipitare insieme al loro verme!
Cinque riuscivano a meravigliare e ad attirare l'attenzione con la loro capacità, creando in chi guardava la determinazione del “volere è potere”, la forza del “comune intento” e la meraviglia del senso di solidarietà.
Quando le due formiche si sono distaccate ed hanno lasciato le loro compagne è come se d'improvviso la realtà si fosse fatta  avanti prepotentemente, quasi a voler dire: ”è solo un sogno!”..."non ce la potete fare!...e non so perché ma tutto questo mi ha fatto pensare al Pd e alla sinistra… e non capisco neanche perché mi sono venuti in mente i vermi…sta di fatto che ho smesso di parlare dei problemi del mondo, del bombarolo fiorentino e delle gente presa per il naso…erano diventate insignificanti chiacchiere estive!


Nessun commento:

Posta un commento

Allora ...amen!

I ll 5 dicembre del 2016 scrivevo il post " Ha perso la sinistra " e mi chiedevo perché avesse perso; soprattutto mi chiedevo ...