All'aria aperta

STORIE ALL'APERTO...SE VOLETE RACCONTARLE LO SPAZIO C'E'!
Scrivi il tuo raconto a tullio.tardelli@alice.it










DIRETTISSIMA DEL VAL CANALE - RIFUGIO PAPA - STRADA DEGLI EROI

di idelbo 08.09.2016

Mi avevano consigliato di fare questa camminata, che parte dal rifugio Balasso, tra Ponteverde e Pian delle Fugazze (Valli del Pasubio), e arriva al rifugio Papa (alle porte del Pasubio) inerpicandosi su per la montagna. Un percorso certamente impegnativo, ma che vale la pena fare e godere.
Il sentiero della Direttissima della Val Canale era stato riaperto da poco a causa di una grossa frana e devo dire che la cosa mi ha fatto estremamente piacere, perché non riesco facilmente a fare dei ponti al lavoro e una camminata di circa 5-6 ore non la si smaltisce facilmente, specie per chi, come me, non è che ne faccia spesso.
Tra l'altro avevo organizzato il ritorno per la Strada degli eroi (leggete il link allegato), che non solo ha un valore storico, ma offre anche uno spettacolo unico. Al Pian delle Fugazze ho voluto oltrepassare il vecchio confine Austro-ungarico (l'attuale fine del Trentino Alto Adige  e l'inizio del Veneto) per poi riprendere il percorso sul sentiero e lontano dal rumore della strada, fino ad arrivare di nuovo al rifugio Balasso.
Se vi va...guardate le foto e viaggiate con me attraverso il bosco, il canale di pietre, godendo degli spettacoli naturali unici. Poi ci riposiamo un attimo e ritorniamo attraverso la strada degli eroi...stanchi...ma felici... e se volete cliccate sul mio nome e fate buon viaggio



LE 52 GALLERIE DEL PASUBIO

di Idelbo 18.10.2015




Il primo giugno decisi di festeggiare la Festa della Repubblica percorrendo a piedi le 52 Gallerie del Pasubio: una delle montagne "sacre" più conosciute fra quelle legate agli eventi della Grande Guerra. 
Una vasta rete di mulattiere e di sentieri si dirama su ogni lato del massiccio fra cui la celebre Strada delle 52 Gallerie, una mulattiera lunga 6.300 metri, percorribile esclusivamente a piedi, dei quali bel 2.300 distribuiti in 52 gallerie e i restanti intagliati a mezza costa nella roccia viva.
L'ultima volta che c'ero stato (1991) l'inizio del percorso non era  così scenografico come l'attuale, ma un semplice cartello indicava le ore  e la direzione per il rifugio Papa. 
Se siete nelle vicinanze o se amate i percorsi di montagna...questo ne vale veramente la pena! Non solo è bello, ma ti fa sentire la storia e quando entri nelle gallerie e pensi che sono state fatte dai nostri militari... (leggetevi un po' di storia e percorso).
Alcune foto sono poco chiare per la nebbia...e di giugno pure freddo! Al ritorno mi sono fatto due ore e mezza  sotto l'acqua, ma ne è valsa la pena! Solo poche immagini...tanto per farvi fare un'immaginaria ...buona camminata...





















UNA GRAN BELLA GIORNATA
Idelbo 03.04.2015

Inizia da Rocchette il gioiellino ciclopedonale ricavato sul sedime della ex ferrovia Rocchette-Arsiero e costruita nel 1885, dietro la spinta e il finanziamento dell'imprenditore scledense Alessandro Rossi..(leggetevi un po' la storia!).
Oggi, giornata meravigliosa, sono andato a farmi una passeggiata su questa ciclopedonale molto particolare. Piovene Rocchette è a due passi dalla mia città eppure non sapevo di questo lavoro di riqualificazione che ha dato alle persone l'opportunità di fare camminate o gite in bicicletta immerse nella natura. Il tragitto è facile e viene frequentato anche da mamme con i passeggini, oltre che relativamente corto, circa 10 km (solo andata!). Ad Arsiero, poi, ci sono percorsi diversi da poter scegliere.
Tra Rocchette e Arsiero c'erano 7 fermate e se non ci sono più le stazioncine lo ricordano
queste grosse bacheche, con foto  e descrizioni. 


Parto da Rocchette...scrivo poco e lascio spazio alle foto, che descrivono meglio di cento parole...immaginate il trenino davanti alla macchina fotografica...oggi è bello...ma ieri quanto lavoro!


prima galleria
la prima galleria illuminata



Seconda galleria




Attraversarle  a piedi fa un certo effetto...soprattutto pensare al lavoro fatto dagli uomini...Incredibile!
Il tempo di una breve curva  e poi un ponte su un ruscello, che spero di essere stato bravo a fotografarlo...è molto basso e un acqua eccezionale...un colore intenso e particolare!


ponte sul ruscello
Poco dopo c'è la prima località ed era la prima fermata delle 7 fermate in 10 km...in ogni piccola località...l'unico mezzo di trasporto!
Ma adesso il treno lo lasciamo idealmente libero
di correre e attraversare boschi, ponti, punti molto ripidi e belle campagne...fino ad Arsiero!
Vi lascio e, come ho fatto io, immaginate di avere il treno davanti...ci vediamo ad Arsiero.




Paesaggio unico

In mezzo a campi lavorati
primule a vista d'occhio



Acqua incredibile!
                                                                    



Stazione Velo-Seghe rinnovata 




                                          
Vecchia stazione di Arsiero risistemata
                                                       
Arsiero dal ponte della ferrovia
Pieve di origine longobarda














chiesa arcipretale







Che acqua!

Arsiero dalla strada per Posina


...ed ora a casa...15 km li ho già fatti e 10 km li devo ancora fare per tornare a casa!



Post che potrebbero interessarti:

il lavoro non è una merce: Una gran bella giornata

Nessun commento:

Posta un commento

Allora ...amen!

I ll 5 dicembre del 2016 scrivevo il post " Ha perso la sinistra " e mi chiedevo perché avesse perso; soprattutto mi chiedevo ...